Ecco la tecnologia che cambierà la vita nel 2021

di Joanna Stern, Christopher Mims, Nicole Nguyen e Wilson Rothman 03/01/2021 21:02
Ecco la tecnologia che cambierà la vita nel 2021
Illustrazione di JASON SCHNEIDER

Con il mondo che continua a lottare contro la pandemia, gli innovatori punteranno su soluzioni tecnologiche dedicate alla nostra vita personale e professionale, dalle prime dei film in streaming a casa a un salto evolutivo del portatile. Ma ci sforzeremo anche di raggiungere una nuova normalità, dalle nuove pratiche di lavoro ibride alle mascherine high-tech

 Una pandemia che avrebbe devastato il mondo e accelerato la trasformazione digitale di tutto? Neanche il migliore dei futuristi o dei sensitivi avrebbe potuto prevedere questo 2020. Eppure, le nostre previsioni su ciò che sarebbe accaduto nel mondo della tecnologia nel 2020 hanno retto decentemente (anche se non pensavamo che lo streaming di Quibi sarebbe morto così velocemente).
 
Il 2020 è ora diventato l'obiettivo attraverso il quale si intravedono tutte le nostre previsioni per il 2021. Con il  mondo che continua a lottare contro la pandemia, gli innovatori punteranno su soluzioni tecnologiche dedicate alla nostra vita personale e professionale, dai debutti dei film in streaming a casa a un salto evolutivo del portatile atteso da tempo. Ma ci sforzeremo anche di raggiungere una nuova normalità, e anche in questo caso la tecnologia aiuterà, dalle nuove pratiche di lavoro ibride alle mascherine high-tech. E ad accompagnare ogni nuovo prodotto o servizio, l'ennesimo canone mensile di abbonamento. Ecco cosa cercare.
 
Innovazione ispirata dalla pandemia
 
Mascherine, webcam e disinfettanti per il nostro corpo... e i nostri gadget. La pandemia ha scatenato una dipendenza da cose che nel 2019 non avremmo mai potuto immaginare. Con il marketing desideroso di capitalizzare il nuovo interesse (e l'ansia), il 2021 sarà probabilmente pieno di nuovi aggeggi che promettono audacemente di migliorare il tutto.
 
Un'area chiave: migliori webcam per le vostre continue videochiamate. Samsung ha già annunciato che il suo prossimo smartphone Galaxy, previsto per l'inizio del 2021, migliorerà la registrazione video e le chiamate. Prevediamo che i produttori di laptop faranno lo stesso e finalmente abbandoneranno le loro schifose webcam a bassa risoluzione.
 
Sono in arrivo versioni portatili dei disinfettanti a ultravioletti per la pulizia dei telefoni e dei gadget, da tenere in auto o in tasca. Un'altra cosa senza la quale alla fine potremmo non uscire mai di casa? Mascherine ad alta tecnologia. Aspettatevi una serie di funzioni integrate: Bluetooth e microfoni (vedere Maskfone), un depuratore d'aria indossabile alimentato a ventola (vedi LG PuriCare), una mascherina con un LED UV (vedere UV Mask). Arriveranno sensori di qualità dell'aria, assistenza per il tracciamento dei contatti e altro ancora.
 
Potreste anche finire con l'indossare un maglione da distanziamento sociale: SimpliSafe, un'azienda di sicurezza domestica, ha realizzato una versione che suona un allarme quando qualcuno si avvicina a meno di un metro e mezzo da voi. Pensato come un prototipo divertente, il maglione ha fatto subito il tutto esaurito.
 
Improvvisamente, i pc portatili non sono il gadget più noioso del mondo. La nostra dipendenza da essi per il lavoro a casa e la scuola ha stimolato una domanda che la categoria non vedeva da anni. Poi, a novembre, Apple ha rilasciato un MacBook Air e un MacBook Pro che al posto di Intel all'interno ha i chip M1 di Apple. Il risultato? Macchine che non sono mai state così silenziose e fredde, e che sono durate così a lungo con una sola carica.
 
Il passaggio dai chip basati sull'architettura x86 di Intel a quelli basati sulla tecnologia Arm a bassa potenza, come quelli all'interno dei telefoni, sta spostando l'intera industria informatica su un nuovo corso. Lenovo, Acer e Microsoft hanno iniziato a rilasciare i laptop Windows o Chrome OS con i chip Qualcomm, i cui processori alimentano i telefoni Android più diffusi. Ciò accelererà solo quest’anno, con quasi tutti i principali produttori di PC Windows che lavorano con Qualcomm su computer portatili e alcuni modelli che guadagnano anche 5G, come ha detto il presidente della Qualcomm, Cristiano Amon.
 
Apple, che ha in programma di passare l'intera linea di Mac ai propri processori entro il 2022, dovrebbe anche rilasciare un nuovo iMac, atteso da tempo. E non sarà una sorpresa quando altri giganti della tecnologia, tra cui Amazon e Microsoft, inseriranno i propri chip personalizzati in tutto, dai laptop ai server ai wearables.
 
Hollywood a casa
 
Molti dei film di punta di quest'anno arriveranno nei salotti contemporaneamente alle sale cinematografiche. Lo scorso aprile, Universal Pictures ha noleggiato "Trolls World Tour" online mentre i cinema chiudevano. Inaspettatamente, ha battuto i record digitali, accumulando 100 milioni di dollari attraverso piattaforme come Apple TV. Poi la Disney ha fatto una grande scommessa su Mulan, lanciando il titolo sul servizio di streaming Disney+ dell'azienda per altri 30 dollari. Dopo l'uscita natalizia di Wonder Woman 1984 a tutti gli abbonati di HBO Max (senza costi aggiuntivi), WarnerMedia ha in programma di pubblicare l'intera lista del 2021 sulla piattaforma online.
 
Netflix ha aderito a questo modello per lungo tempo, e ora Hollywood sta prendendo piede, più per necessità che per desiderio. L'AMC (catena di cinema e teatri) ha riportato un calo di presenze dell'85% rispetto all'anno precedente e Regal Cinemas, la seconda catena del settore degli Stati Uniti, ha chiuso tutte le sue sedi a livello nazionale.
 
Il regista di Dune, in lista per il debutto in HBO Max il prossimo autunno, ha scritto un commento  pungente su come lo streaming da solo non possa sostenere l'industria cinematografica. Eppure le case madri degli studios, tra cui Comcast, AT&T e Disney, potrebbero non essere d'accordo, trovandosi in possesso del canale di distribuzione primario per il loro contenuto e dei preziosi dati proprietari che ne derivano.
 
Realtà assistita, non aumentata
 
Quando Apple rilascerà un paio di occhiali intelligenti? Probabilmente non nel 2021. E nonostante  Google abbia fatto un grande passo in questa categoria quest'estate acquisendo North, un pioniere degli occhiali da proiezione, ha annullato la seconda versione degli occhiali North nel tracciare il suo futuro. In realtà è Facebook che ha dichiarato che lancerà gli occhiali intelligenti nel 2021 e saranno RayBan.
 
L'amministratore delegato di Facebook, Mark Zuckerberg, ha dichiarato a settembre che questi occhiali saranno "il prossimo passo sulla strada della realtà aumentata". Non appariranno oggetti virtuali che sembrano interagire con il mondo reale. Gli auricolari AR come gli HoloLens di Microsoft potrebbero offrire un'esperienza coinvolgente, ma sono comunque costosi e ingombranti.
 
Gli occhiali da "realtà assistita", che proiettano testo, immagini e persino video nel campo visivo di una persona, sono assumono maggior valore, dice Brian Ballard, Ceo di Upskill, società di esperienze a distanza. Le aziende hanno trovato utili le videoconferenze a distanza che aleggiano nel campo visivo dei lavoratori, o nelle direzioni di svolta dei sistemi di navigazione che non obbligano a guardare altrove per essere seguiti.
 
Altri workout a distanza... e visite mediche
 
Il curarsi a casa è un trend che continuerà. Secondo MoEngage, una società di ricerche di mercato, i download di applicazioni per la salute e il fitness sono cresciuti del 46% in tutto il mondo nella prima metà del 2020.
 
Le attrezzature per il fitness collegate in rete, un tempo considerate una stravaganza costosa, si sono trasformate in una vera e propria necessità dopo che le palestre sono state chiuse. Peloton, che produce bici da spinning e tapis roulant smart, ha dichiarato di aver triplicato le sue entrate nel trimestre concluso a settembre. Lululemon Athletica ha acquistato in giugno Mirror, un pannello a parete che proietta in streaming le lezioni di fitness.
 
Anche le visite mediche stanno cambiando. Gli ospedali hanno utilizzato il telefono, il video interattivo e la messaggistica per ridurre al minimo il contatto con i pazienti affetti da coronavirus, dopo l'introduzione di nuovi sistemi di telemedicina. A marzo, le autorità federali hanno allentato la normativa sulla privacy sanitaria per consentire agli operatori sanitari di facilitare le visite su FaceTime, Facebook Messenger, Zoom o Skype.
 
PlushCare, un fornitore virtuale di cure primarie, ha visto un aumento del 460% delle iscrizioni dei pazienti quest'anno. Ryan McQuaid, Ceo dell'azienda, non pensa che l'aumento sia una risposta a breve termine alla crisi, citando la natura dispendiosa in termini di tempo delle visite in presenza. "In media, gli americani passano più di 20 minuti in sala d'attesa da soli", ha detto.
 
E-commerce, che non sia Amazon
 
La pandemia ha concentrato l’equivalente di 10 anni di e-commerce da parte dei consumatori in un solo trimestre, e ha costretto tutte le aziende che non erano Amazon - specialmente quelle con una grande distribuzione - a darsi da fare per offrire ai consumatori nuovi e migliori modi di fare acquisti da casa.
 
La catena americana Target ha visto un'esplosione nella raccolta di ordini online, così come il grossista Costco ha registrato una crescita senza precedenti nell'e-commerce. Walmart ha lanciato un programma di affiliazione del tipo di Prime, chiamato Walmart+, e ha rapidamente aggiunto delle funzionalità per combattere la concorrenza. (Walmart ha recentemente eliminato i quantitativi minimi d'ordine e le spese di spedizione sugli ordini di Walmart.com, e fornisce una consegna senza spese di spedizione sui carrelli della spesa per un totale di 35 dollari o più). Shopify, che gestisce il sistema di pagamento di molte piccole imprese online, ha ampliato la propria rete di centri di smistamento in modo che queste imprese possano far arrivare la merce ai clienti in modo più rapido ed efficiente, senza doversi rivolgere ad Amazon.
 
Ora che la spedizione veloce e gratuita è la normalità e i rivenditori si rendono conto che non rivedranno il fatturato in persona su cui contavano prima della pandemia, i consumatori ottengono finalmente una versione online di un vecchio punto di riferimento per la vendita al dettaglio: i confronti tra negozianti. Nel 2021, la value proposition di Amazon, che se non è sempre il modo meno costoso per fare acquisti, è almeno il più conveniente, sarà messa alla prova. Nel frattempo, il suo potere di mercato, insieme a quello di Google, Facebook e Apple, continuerà a essere al centro dello scrutinio regolamentare.
 
Tutto per abbonamento
 
Ora tutto comporta una sorta di abbonamento. Le infinite app di streaming video, il servizio di consegna della spesa, il cloud storage, certo: ma anche la cyclette? L’app per la lista delle cose da fare? Il cibo per cani? Il tutto come servizio non potrà che continuare. Tante cose che avete acquistato prima con un pagamento una tantum, saranno invece offerte in pagamento ricorrente. E aspettatevi anche nuovi tipi di offerte incentrate sul servizio, legate soprattutto ai vostri acquisti di hardware. Se Apple's Fitness+ - un nuovo abbonamento per l'allenamento digitale che richiede un Apple Watch - avrà successo, Apple e gli altri produttori di hardware probabilmente agganceranno più servizi ai loro prodotti.
 
Gli abbonamenti per cui state già pagando continueranno ad aumentare. Le aziende sostengono che è necessario pagare di più per poter aggiungere più contenuti e funzionalità. A giugno, YouTube TV ha aumentato il suo pacchetto via cavo a 15 dollari. In ottobre, Netflix ha aumentato il suo piano di streaming più popolare da 12,99 a 13,99 dollari. A novembre, Google ha eliminato il suo livello di archiviazione gratuito di Google Photos. E la Disney ha annunciato che a marzo il prezzo mensile di Disney+ passerà da 6,99 a 7,99 dollari.
 
Il ritorno della fiducia in autunno
 
Anche se il lavoro a distanza ha molti vantaggi, riportare la fiducia tra i dipendenti non è uno di questi. Online, non c'è un distributore d'acqua, non c'è un caffè nelle vicinanze per i brainstorming informali, non c'è un posto dove prendere un drink dopo il lavoro. Ma le aziende i cui dipendenti lavoravano a distanza molto prima della pandemia avevano già una soluzione: la riunione fuori sede.
 
Buffer, un'azienda che lavora completamente in remoto, riunisce il suo intero team di lavoro a livello globale almeno una volta all'anno. Decine di altre aziende i cui dipendenti lavorano per lo più a casa fanno la stessa cosa, il che ha portato allo sviluppo di una serie di aziende che pianificano questi ritiri per voi.
 
Una delle ragioni per cui le aziende hanno abbracciato il lavoro a distanza è che rende i dipendenti più felici, ma un'altra è che fa risparmiare alle aziende i soldi per gli uffici. Nel 2021, aspettatevi di vedere molti dei milioni di dipendenti, che si sono trasferiti definitivamente al lavoro remoto o ibrido,  ammucchiarsi nei pullman per feste, fare yoga di gruppo cercando la pace interiore in presenza dei loro capi, per molto meno del costo dell'affitto degli uffici che hanno lasciato.
 
Veicoli elettrici, stile Americano
 
I veicoli elettrici sono di tendenza, ma pochi hanno una qualche somiglianza con il buon vecchio acciaio made in Detroit. Tutto ciò  cambierà nel 2021, con l'arrivo anticipato di alcune bestie verdi.
 
Quest'estate, la startup Rivian prevede di spedire le edizioni di lancio già esaurite del suo pickup R1T di prima generazione e del Suv R1S, macchine con un’autonomia di oltre 300 miglia e prezzi a partire da circa 70.000 dollari.
 
Poi c'è il pickup GMC Hummer EV, in arrivo in autunno da General Motors. Le prenotazioni sono già al completo per l'edizione 1 da 112.595 dollari e oltre, che dovrebbe avere un'autonomia di oltre 560 km e da zero a 100 km/h in circa 3 secondi. Le finiture di livello inferiore saranno disponibili negli anni successivi, e anche se fedeli alla forma, i prezzi rimarranno sull’alto di gamma.
 
Ford prevede di avere il proprio mostro alimentato a batteria, l'F-150 Electric, in vendita a metà del 2022. In tempi precedenti alla pandemia, l'azienda ha filmato un prototipo che trainava oltre 450 tonnellate. A un certo punto, alla fine del 2021 o all'inizio del 2022, potremmo anche vedere il Cybertruck di Tesla.
 
Questi potrebbero essere i veicoli per privati più grandi che arrivano sul mercato, ma non sono gli unici a lavorare per aumentare le dimensioni medie del veicolo. L'anno passato suv alimentati a batteria sono stati presentati da Toyota, Audi e Jaguar, e la tendenza continuerà. Nel 2021, più della metà delle opzioni elettriche e ibride plug-in sul mercato statunitense saranno modelli SUV: 82 in totale, contro i 66 modelli di berline, secondo le previsioni di AlixPartners, una società di consulenza globale.