Il Neuralink di Elon Musk? E’ il cinema delle neuroscienze

31/08/2020 16:14
Il Neuralink di Elon Musk? E’ il cinema delle neuroscienze
Musk mostra "the link", un dispositivo caricato con chip per ricevere e trasmettere segnali cerebrali

Secondo il magazine del Mit di Boston, l'evento dell'impianto cerebrale, anticipato venerdì 28 dal fondatore di Tesla, sta facendo promesse difficili da mantenere

Arrampicarsi sulle rocce senza paura. Suonare una sinfonia nella propria testa. Vedere il radar con visione sovrumana. Scoprire la natura della coscienza. Curare la cecità, la paralisi, la sordità e la malattia mentale. Queste sono solo alcune delle applicazioni che Elon Musk e i ricercatori della sua compagnia di neuroscienze Neuralink ritengono che saranno realizzate un giorno grazie alle interfacce elettroniche cervello-computer.
 
Ma, sostiene un commento del MIT Technology Review, il magazine della prestigiosa università americana, nessuno di questi progressi è a portata di mano, ed è improbabile che alcuni di essi si realizzino.
 
In un aggiornamento del prodotto trasmesso in streaming su YouTube venerdì 28 agosto, Musk, che è  il fondatore di SpaceX e Tesla Motors, si è unito ai dipendenti che indossano mascherine nere per discutere il progetto dell'azienda verso un impianto cerebrale accessibile e affidabile che Musk è convinto che sarà richiesto in futuro a gran voce da miliardi di consumatori.
 
"In molti modi", ha detto Musk, "è un po' come un Fitbit nel cranio, con dei minuscoli fili".
 
Anche se l'evento online è stato descritto come una dimostrazione di prodotto, non c'è ancora nulla che si possa acquistare o utilizzare da Neuralink. Si sta testando su animali l'ingegneria di una tecnologia di elettrodi a super-densità.
 
Neuralink non è la prima a credere che impianti cerebrali possano estendere o ripristinare le capacità umane. I ricercatori hanno iniziato a collocare sonde nel cervello di persone paralizzate alla fine degli anni 90 per dimostrare che quei segnali potevano far muovere le braccia dei robot o i cursori dei computer. E cavie con impianti visivi possono davvero percepire i raggi infrarossi.
 
Neuralink afferma di sperare di sviluppare ulteriormente tali interfacce cervello-computer (o BCI) al punto che in uno studio medico si potrà impiantarne una in meno di un'ora. "Questo funziona già", ha detto Musk di persone che hanno controllato computer con segnali cerebrali. "Ma non è qualcosa che la persona media può usare in modo efficace".
 
Per tutta la durata dell'evento, Musk ha abilmente evitato di dare scadenze temporali o di impegnarsi su domande su quando il sistema di Neuralink potrebbe essere testato in soggetti umani.
 
Secondo MIT Technology Review, a quattro anni dalla sua fondazione, Neuralink non ha fornito alcuna prova che possa (o che abbia anche provato a) trattare la depressione, l'insonnia o una dozzina di altre malattie che Musk ha menzionato in una slide. Una difficoltà che si trova ad affrontare l’azienda è il perfezionamento dei microfili che possano sopravvivere al contesto corrosivo di un cervello vivente per un decennio. Solo questo problema potrebbe richiedere anni per essere risolto.
 
L'obiettivo primario della demo in streaming del 28 agosto, invece, è stato quello di stimolare l'eccitazione, reclutare ingegneri per l'azienda (che già impiega circa 100 persone), e costruire quella base di fan simile a quella che ha appoggiato le altre iniziative di Musk e ha contribuito a spingere il prezzo delle azioni del produttore di auto elettriche Tesla a sfidare la gravità.
 
Nei tweet che hanno preceduto l'evento, Musk aveva promesso ai fan una dimostrazione sconvolgente di neuroni che sparano all'interno di un cervello vivente, anche se non ha detto di quale specie. A pochi minuti dall'inizio del livestream, gli assistenti hanno svelato tre piccoli maiali in recinti recintati, i soggetti degli esperimenti di impianto dell'azienda.
 
Il cervello di un maiale conteneva un impianto, e altoparlanti nascosti suonavano brevemente le suonerie che Musk diceva fossero registrazioni dei neuroni dell'animale che sparavano in tempo reale. Per coloro che aspettavano la "matrix in the matrix", come Musk aveva accennato su Twitter, l'intermezzo animale non era esattamente quello che speravano. Per i neuroscienziati non è nulla di nuovo; nei loro laboratori il ronzio e il crepitio degli impulsi elettrici registrati dai cervelli degli animali (e di alcuni umani) si sente da decenni.
 
Un anno fa, Neuralink ha presentato una macchina da cucire robotizzata in grado di immergere mille elettrodi ultrafini nel cervello di un roditore. Queste sonde sono ciò che misurano i segnali elettrici emessi dai neuroni; la velocità e gli schemi di questi segnali sono in definitiva una base per il movimento, i pensieri e il richiamo dei ricordi.
 
Nel nuovo livestream, Musk è apparso accanto a un prototipo aggiornato del robot da cucito racchiuso all'interno di un casco di plastica bianca e liscia. In questo copricapo chirurgico, Musk crede che miliardi di consumatori un giorno metteranno volentieri la loro testa in modo che un robot inciderà elettronica nel loro cervello. 
 
L'involucro futuristico è stato creato dallo studio di design industriale Woke Studio, a Vancouver. Il suo capo designer, Afshin Mehin, dice di aver cercato di realizzare qualcosa di "pulito, moderno, ma ancora rassicurante" per essere un intervento volontario di chirurgia cerebrale con inevitabili rischi. 
 
Per i neuroscienziati, lo sviluppo più intrigante mostrato venerdì 28 potrebbe essere stato quello che Musk ha chiamato "il link", un disco delle dimensioni di un dollaro d'argento contenente chip per computer, che comprime e poi trasmette in wireless i segnali registrati dagli elettrodi. Il collegamento è spesso circa quanto il cranio umano, e Musk ha detto che potrebbe ordinatamente entrare sulla superficie del cervello attraverso un foro che potrebbe poi essere sigillato con una supercolla. "Potrei avere un Neuralink in questo momento e non lo sapreste", ha detto Musk.
 
Il collegamento può essere caricato wireless tramite una bobina a induzione, e Musk ha suggerito che le persone in futuro si collegheranno prima di andare a dormire per ricaricare i loro impianti. Ritiene che un impianto debba anche essere facile da installare e da rimuovere, in modo che le persone possano ottenerne di nuovi man mano che la tecnologia migliora. Non si vorrebbe rimanere bloccati con la versione 1.0 di un impianto cerebrale per sempre. L'hardware neurale obsoleto lasciato nel corpo delle persone è un problema reale già incontrato dai ricercatori.
 
L'impianto che Neuralink sta testando sui suoi maiali ha 1.000 canali ed è probabile che venga letto da un numero simile di neuroni. Musk dice che il suo obiettivo è di aumentarlo di un fattore “cento, poi mille poi diecimila volte tanto “ per leggere dal cervello in modo più completo.
 
Tali obiettivi esponenziali per la tecnologia non necessariamente rispondono a specifiche esigenze mediche. Anche se Musk sostiene che gli impianti "potrebbero risolvere la paralisi, la cecità, l'udito", dato che spesso ciò che manca non sono 10 volte più elettrodi, ma la conoscenza scientifica su ciò che crea lo squilibrio elettrochimico crea, per esempio, nella depressione in primo luogo.
 
Nonostante la lunga lista di applicazioni mediche che Musk ha presentato, Neuralink non ha dimostrato di essere pronta a impegnarsi in nessuna di esse. Durante l'evento, l'azienda non ha rivelato i piani per avviare una sperimentazione clinica, il che è stato una sorpresa per coloro che credevano che sarebbe stato il suo prossimo passo logico.
 
Un neurochirurgo che lavora con l'azienda, Matthew MacDougall, ha detto che l'azienda stava considerando di provare l'impianto su persone paralizzate, per esempio, per consentire loro di digitare su un computer, o di formare parole. Musk è andato oltre: "Penso che a lungo termine si possa ripristinare il movimento del corpo di una persona."
 
Non è chiaro quanto sia seria l'azienda nel trattamento delle malattie. Musk si è continuamente allontanato dalla medicina per tornare a un "dispositivo per la popolazione in generale" molto più futuristico, che ha definito l'obiettivo generalista  dell'azienda. Egli ritiene che le persone dovrebbero connettersi direttamente ai computer per tenere il passo con l'intelligenza artificiale.
 
"A livello di specie, è importante capire come coesistiamo con l'IA avanzata, raggiungendo una certa simbiosi di IA", ha detto, "tale che il futuro del mondo è controllato dalla volontà combinata delle persone della terra". Questa potrebbe essere la cosa più importante che un dispositivo come questo può raggiungere".
 
Come gli impianti cerebrali porterebbero alla creazione di una tale mente elettronica mondiale collettiva, Musk non lo ha specificato. Forse lo farà nel prossimo aggiornamento, conclude sarcastico il commento di MIT Technology Review.