Le stampanti 3D ora producono tamponi nasali

30/03/2020 19:48
Le stampanti 3D ora producono tamponi nasali

In Usa i produttori stanno modificando le loro linee per stampare 4 milioni di tamponi nasali alla settimana, oltre a componenti per ventilatori e altro ancora per sopperire ai problemi di forniture mediche

Nei prossimi giorni, la Formlabs, azienda americana che vende stampanti 3D, dedicherà le 250 stampanti della sua fabbrica in Ohio, solitamente utilizzate per la produzione di campioni di prodotti dentali per la commercializzazione delle sue macchine, a produrre fino a 100 mila tamponi nasali per i test Covid-19 ogni giorno. Lo riporta il sito americano MIT Technology Review, precisando che l'azienda inizierà presto a spedire i tamponi agli ospedali di tutto il Paese alle prese con la ricerca di strumenti e i kit diagnostici per il Coronavirus. “Non so nemmeno dirvi quanti ospedali, e varie altre istituzioni sanitarie, fornitori di assistenza sanitaria e governi ci hanno chiesto di aiutarli", dice a Technology Review David Lakatos, responsabile di prodotto di Formlabs, che ha sede a Somerville, Massachusetts.

In Usa i produttori, le università, i fornitori di servizi sanitari e le agenzie statali e locali si stanno affrettando a individuare le aziende con le capacità e le competenze necessarie, telefonando direttamente o  appoggiandosi a reti commerciali informali. Alcune aziende, ricercatori e centri medici stanno formando associazioni temporanee per coordinare le risposte.

Colmare queste lacune critiche nella catena di fornitura potrebbe aiutare a fare in modo che un certo livello di schermi facciali, tamponi nasali, ventilatori e altri prodotti continuino a raggiungere gli ospedali nelle prossime settimane, quando il carico di casi in Usa  è destinato a salire alle stelle.

Ma la stampa 3D, precisa Technology Review, è vista in gran parte come una misura provvisoria e imperfetta.  "Non abbiamo molto tempo per prepararci", afferma Vicki Holt, amministratore delegato di Protolabs, un'azienda di produzione personalizzata con sede a Maple Plain, Minnesota, che si occupa di stampa 3D e stampaggio a iniezione. "Dobbiamo aggiungere abbastanza letti d'ospedale e attrezzature di terapia intensiva per essere pronti quando arriva il picco. Stiamo cercando di dare alla filiera tradizionale più tempo per prepararsi".

Un gruppo ad hoc di ricercatori di istituzioni tra cui l'Università della Florida del Sud, Harvard, Stanford e il Beth Israel Deaconess Medical Center hanno collaborato in uno sforzo organizzato su GitHub, per elaborare le linee guida generali per la produzione di tamponi di prova stampati in 3D, in consultazione con la FDA.

Giovedì 26 è stato annunciato che una manciata di aziende coinvolte nel progetto - tra cui Formlabs, Carbon, Hewlett-Packard e EnvisionTec - erano pronte a iniziare a produrre specifiche varietà di tamponi e potrebbero rapidamente aumentare la produzione fino a 4 milioni di tamponi alla settimana.

Nei giorni scorsi, la Carbon of Redwood City, California, ha collaborato con Verily, l'azienda di scienze biologiche di Alphabet (Google), per la progettazione di schermi facciali,  che aiutano a prevenire l'infezione e la diffusione della malattia tra gli operatori sanitari, che scarseggiano in diversi ospedali statunitensi. Il team ha già prodotto prototipi e li ha inviati per la valutazione a diversi ospedali della Baia di San Francisco, ha riferito Forbes.

Prisma Health, un importante sistema sanitario della Carolina del Sud, ha annunciato di aver ottenuto l'autorizzazione d'emergenza dalla FDA per i tubi splitter stampati in 3D, chiamati VESper, che potrebbero consentire a un solo ventilatore di aiutare fino a quattro pazienti con problemi respiratori critici se le forniture delle macchine scarseggiassero.

Formlabs sta anche valutando i progetti per produrre splitter per ventilatori, anche se l'azienda sottolinea che dovrebbero essere utilizzati solo come ultima risorsa. Infatti, in una dichiarazione congiunta di giovedì 26 marzo, la Society of Critical Care Medicine, l'American Association for Respiratory Care e altri gruppi medici hanno sconsigliato la condivisione di ventilatori meccanici per i pazienti COVID-19, sottolineando che "è meglio destinare il ventilatore al paziente che ha più probabilità di trarne beneficio piuttosto che non riuscire a prevenire, o addirittura causare, la morte di più pazienti".

Nelle ultime settimane, secondo Holt, Protolabs ha anche spostato la sua attività per soddisfare i picchi di ordini di prodotti medicali provenienti da tutti gli Stati Uniti e dall'Europa. Tra gli altri sforzi, l'azienda ha lavorato con un team della University of Minnesota per sviluppare, testare e modificare sei parti per un produrre un ventilatore a basso costo in pochi giorni. I ricercatori pubblicheranno in Open Source il progetto, che si basa su un motore per pompare borse manuali "ambu", ampiamente disponibili, in modo che gli ospedali possano produrne di proprie in caso di mancanza di vita o di morte. (anche un team del MIT sta portando avanti un progetto simile). Protolabs sta anche producendo componenti per un grande produttore di ventilatori, ma Holt dice che l'azienda non può rivelare il nome o fornire ulteriori dettagli in questa fase.

Alla domanda sulla sicurezza di questi componenti stampati in 3D per dispositivi che potrebbero danneggiare i pazienti in caso di guasto, Protolabs ha risposto che è dovere dei clienti creare poi il progetto corretto, condurre i test necessari e prendere le misure normative appropriate.

(l'articolo originale lo trovate qui : https://www.technologyreview.com/s/615420/3d-printing-coronavirus-covid-19-medical-supplies-devices/